Home N64 Recensione: Xeno Crisis

Recensione: Xeno Crisis

63
Xeno Crisis
Xeno Crisis

Editore/Sviluppatore: Bitmap Bureau
Genere: Shoot em up

Piattaforma: Sega Mega Drive, Linux , macOS , Microsoft Windows , Nintendo Switch , PlayStation 4 , Xbox One , Dreamcast , PlayStation Vita , Evercade / Evercade VS , Neo Geo , Neo Geo CD , Nintendo 64 , GameCube

Versione di test: Nintendo 64
Sito Web: https://bitmapbureau.com/

C’era una volta Smash Tv, uno shoot em up a quadri fissi multidirezionale. Gore, ultra violenza, armi incredibili e una marea di mostri.

Una volta ripulito il quadro/stanza, si aveva accesso al quadro successivo fino ad arrivare alle boss fight.

Era un titolo divertente e molto caciarone.

Xeno Crisis deve molto al titolo della Williams Electronics e condivide persino quel folle spirito da sala giochi che ci imponeva (vi ricordate) di infilare gettoni su gettoni per guardare il livello successivo a causa di una difficoltà bella alta.

In Xeno Crisis saremo alla guida in un marine spaziale (o due se giochiamo in doppio) che si dovrà far strada in stanze e livelli generati proceduralmente, con un numero di nemici di varia difficoltà per ogni stanca, concludendo con una fragorosa e devastante battaglia col mostro di fine livello.

Uccidendo i nemici presenti verranno rilasciati oggetti, armi, salute aggiuntive e piastrine di riconoscimento (sono dei crediti per acquistare potenziamenti). Per aumentare il livello di sfida la nostra arma iniziale, come tutte le altre armi, è dotata di un numero limitato di colpi.

Il gioco è semplice. L’Avamposto 88 è stato infettato da alieni terrificanti. I Marines dovranno ripulire tutto e scoprire chi si cela dietro questo disastro.

Il gioco è uscito nel 2019 su Sega Megadrive dopo una bella campagna su Kickstarter. Successivamente è stato convertito per le console di nuova generazione, su Windos, Linux e MacOS e anche per sistemi atipici.

Dopo averlo visto su Dreamcast, Neo Geo e Evercade è arrivata anche l’ora delle versioni per Game Cube e Nintendo 64, versione che prendiamo in esame.

Tecnicamente il titolo è identico su tutte le piattaforme. Anche qui si muove tutto in modo fluido e con una bella resa grafica. Bellissima la colonna sonora. Insomma è difficile migliorare ciò che era già perfetto sulle altre piattaforme.

Il sistema di controllo basato sull’uso dello stick e dei quattro pulsanti per poter sparare è ben implementato.

Il Tricorno, il celebre pad del N64, si è dimostrato un capace aiutante nel ripulire i corridoi infestati da alieni e xenoschifezze.

Il gameplay raffinato e ben strutturato anche in questa versione fa ben tollerare la difficoltà elevata, inferno per i giocatori non esperti e la progettazione di alcune armi (che anche in passato non ci avevano convinto).

A parte tutto questo rimane un mega titolo da provare.

E’ disponibile in formato rom e fisico su cartuccia sul sito dei Bitmap Bureau che vi ho inserito in descrizione.

PRO:
Design dei livelli raffinato e un bel gameplay
Grafica efficacie
Il pad reagisce davvero alla grande

CONTRO:
Difficoltà davvero alta
Alcune armi hanno una progettazione non eccelsa

LASCIA UN COMMENTO

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome