Home C64 Recensione: Rocky & Co

Recensione: Rocky & Co

65
Rocky & Co

Rocky & Co
Editore/Sviluppatore: Icon 64 – Psytronik Software
Genere: Puzzle/Platform
Piattaforma: Commodore 64
Anno: 2023

Sito Web: https://psytronik.itch.io/rocky-and-co

Il grande esploratore Rocky Memphis ha scoperto l’ingresso del tempio perduto che, secondo lui, contiene il leggendario tesoro conosciuto come il CONDOR D’ORO.

Sulle tracce di questo manufatto antico si trova anche il suo acerrimo nemico Russo Baluch, intenzionato a metterci le mani sopra.

Quindi, accompagnato da due compagni d’avventura, parte per una incredibile caccia al tesoro nascosto.

Seguito di Rocky Memphis: the legend of Atlantis sempre per C64, si tratta di un platform con elementi puzzle che ricorda il gioco di Datasoft The Goonies.

La squadra è composta da tre membri con diverse abilità. L’obiettivo del livello è utilizzare una combinazione delle capacità dei tre personaggi per passare al successivo. Si controlla un personaggio alla volta. Per cambiare si deve premere il pulsante SPACE sulla tastiera o in alternativa tenere premuto il pulsante di fuoco sul joystick e, contemporaneamente, premere verso il basso.

I livelli sono vari: ci sono interruttori da premere, maniglie da abbassare e spesso sarà necessario combinare più personaggi alla volta per gestire un enigma complicato.

I livelli di gioco sono 12, ma se si riesce ad illuminare la scritta Icon in basso nel pannello inferiore, si sbloccherà una fase bonus e un finale speciale.

In termini di realizzazione è senza dubbio un buon gioco. La grafica è dettagliata e colorata. Simpatiche animazioni e una bella varietà di scenari.

Audio minimalista ma ben fatto con una bella intro musical di Saul Cross.

Rocky & co ha un grande difetto. È un gioco d’altri tempi. Le meccaniche per risolvere gli enigmi sono sicuramente figlie di un gameplay tipico dei titoli degli anni 90 e risentono dell’età.

Avrei preferito un uso differente dello scambio tra i personaggi.

Interessante la possibilità della modalità pratica che sicuramente permette di comprendere le meccaniche di gioco.

È un titolo che raggiunge la sufficienza, ancorato ad un sistema decisamente “old school” che però vi consigliamo di provare.

PRO:
Tecnicamente curato
Interessante modalità di pratica

CONTRO:
Gameplay un po’ datato
12 livelli non sono tantissimi

LASCIA UN COMMENTO

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome