Home C64 Recensione: Briley Witch Chronicles 2

Recensione: Briley Witch Chronicles 2

77
Briley Witch Chronicles 2

Briley Witch Chronicles 2
Editore/Sviluppatore: Sarah Jane Avory
Genere: JRPG
Piattaforma: Commodore 64
Anno: 2023
Sito Web: https://sarahjaneavory.itch.io/briley-witch-chronicles-2-c64

Nel dicembre del 2021 ho “scoperto” (dopo averlo seguito per tutto il suo sviluppo) l’ottimo Briley Witch Chronicles, un gioco di ruolo in stile Zelda/Final Fantasy per Commodore 64.

Il gioco è ispirato dai romanzi di Sarah Jane Avory dedicati alle Cronache di Briley la strega. La stessa Avory è anche l’autrice del titolo per C64 (e di altri giochi) nonché una brillante sviluppatrice di giochi per le più svariate piattaforme ludiche.

Il titolo vedeva la giovane Briley Forrester apprendere la magia, parlare con il suo gatto Smokey ed avventurarsi in qualcosa di misterioso e molto più grande di lei. Tutto questo in un’altra dimensione fatta di magia e mistero.
Questo secondo episodio si colloca alla fine del primo e racconta la trama dei libri 5 e 6 della saga (Briley Witch Chronicles Book 5 e 6).

Il villaggio di Meapole è in festa e sembra tutto andare per il meglio. Eppure il senso di pace viene infranto quando Lord Grey accusa la giovane Briley di un misfatto terribile.
Inutile raccontarvi di più, basta solo sapere che l’avventura parte con 55.000 punti esperienza, 160 punti vita, tantissime magie accumulate e tantissimi libri raccolti.
Non vedevo l’ora di metter le zampe su questo titolo uscito il 1° dicembre. Il gioco si presenta in formato cartuccia (crt) da 820 kb, con dieci location da esplorare, tantissime quest principali e secondarie e una marea di interazioni da svolgere.

Dopo un’introduzione piuttosto lunga ma molto evocativa, si parte con la consegna di alcune pagnotte di pane e ci si ritroverà a combattere con ragni, serpenti e mostri di vario genere.


Mentre scrivo queste pagine ho giocato a circa 6 ore e terminato i primi 6 giorni di missioni secondarie più o meno. L’aspetto stilistico del gioco è lo stesso del precedente. Una visuale a tre quarti che ci mostra Briley e il suo gatto Smokey (e non solo) muoversi lungo il villaggio, le foreste e le caverne di Maepole.

È stata introdotto l’utilizzo del secondo pulsante se presente. Questo ci permette di utilizzare i numerosi menù di gioco in modo più veloce e snello.

Come per il predecessore, c’è una grande missione che dura per tutta la durata del gioco: quella delle volpi che sono sparse qua e là. Senza dimenticare le attività di terze parti come preparare pozioni (fondamentale in alcuni punti) o addirittura ricaricare l’amuleto magico dopo il tramonto. Amuleto che fornirà un bonus di 99 punti magici, cosa tutt’altro che trascurabile.


Il titolo è sviluppato molto bene e si avvale di una grafica chiara e varia. La colonna sonora è ben realizzata e accompagna le fasi di gioco senza disturbare e rivelandosi perfettamente a tema con l’atmosfera.
Il titolo risulta leggermente più difficile rispetto al prima episodio.
La difficoltà di alcuni passaggi sono ovviamente proporzionali al nostro livello di interazione.

Briley non è più una novellina e le sfide sono all’altezza dei suoi affermati poteri magici.
Il gioco garantisce una durata di 20 ore, abbastanza per passare queste feste natalizie a blastare mostri con palle di fuoco o altro.

Dimenticavo. È compatibile Pal e NTSC, gira su tutti i tipi di configurazione possibile senza intoppi (real hardware, kung fu flash, Ultimate II, TheC64 mini e maxi ed emulazione).

Tirando le somme il titolo è consigliatissimo a chi ha giocato al primo episodio, ai fan della saga letteraria e ai fanatici dei Jrpg a turni alla Final Fantasy.
Se non avete giocato al primo capitolo può essere un problema in alcuni punti in quanto ci sono diversi richiami a cose fatte precedentemente, nulla di bloccante ma si perde un po’ il gusto della trama.

Ad ogni modo un’altra piccola perla di Sarah Jane Avory e un altro grande gioco per il Commodore 64 in questo 2023.

PRO:
Parte tecnica funzionale e scorrevole con un’ottima musica d’accompagnamento
Il gameplay è ben rodato e la trama piacevole
Il secondo pulsante supportato è una manna dal cielo

CONTRO:
La difficoltà è decisamente cambiata e alcuni scontri necessitano di essere soppesati con attenzione
Consigliato a chi ha giocato al primo episodio per poter essere gustato a pieno

LASCIA UN COMMENTO

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome