Home Giochi da tavola Magic: The Gathering

Magic: The Gathering

65
Magic The Gathering
Dal gioco di carte ai videogiochi

Ciao a tutti!
Sono Simone Capuzzi, un ragazzo appassionato di Retro Gaming e di un gioco di carte collezionabili con cui passo molto tempo sia a fare tornei online che a scrivere articoli: si tratta di Magic: L’Adunanza (ormai conosciuto come Magic: The Gathering).

Il gioco nasce nel 1993 dalla brillante mente del matematico Richard Garfield, che lo creò sotto consiglio di Peter Adkinson, allora direttore esecutivo della Wizards of The Coast, in quanto questi era interessato ad un gioco portatile, maneggevole e veloce che potesse essere giocato alle convention durante i momenti morti.

Ben presto Magic ebbe un gran successo, tanto da superare tutte le previsioni fatte per quanto riguarda le vendite di bustine e mazzi.

Vista l’enorme popolarità del gioco, non passò molto tempo per vedere Magic anche Online o come videogioco (si pensi, per esempio, a Duels of the Planeswalker, in foto).

(Duels of the Planeswalker)

Tuttavia, le versioni che preferisco maggiormente sono: Magic Online (conosciuto anche come MODO o MTGO) e Magic Arena (quest’ultimo, come potete vedere nella foto, è stato creato per far concorrenza ad Hearthstone).

Magic: Online

Salta subito all’occhio il fatto che, a livello di interfaccia grafica, Magic Online sia più rozzo e spartano rispetto agli altri due. Tuttavia, questo gioco, rispetto ad Arena ed a Duels, permette di confrontarsi con tutti i giocatori del mondo di Magic (anche i Pro Player, pensate un po’!!) ed è possibile giocare leghe di vari formati con i quali, se si è veramente esperti e pratici, si possono addirittura raggiungere i MOCS, ovvero i Magic Online Championship Series, per poi arrivare a competere con i migliori 24 giocatori di Magic Online in una finale che conta un totale di 250.000 $ di montepremi per il 2019!

Ovviamente, per poter partecipare alle leghe, sia amichevoli che competitive, è necessario pagare attraverso i Tickets (o Tix), ovvero con la moneta virtuale del gioco, disponibili presso lo store della Wizards assieme ad altri prodotti come le bustine o i Play Points (questi possono essere usati solo per i tornei, mentre i Tix possono essere impiegati anche per acquistare carte dai vari BOT).

Tuttavia, questo gioco è piuttosto discusso e criticato per il fatto che bisogna comprare e collezionare le carte anche sulla piattaforma Online, oltre che per la grafica ed annessi BUG da migliorare.

Magic: Arena

Dato che molte persone, specialmente chi si affaccia per la prima volta a Magic, sono più interessate al divertimento che alla competizione, di recente è stato creato Magic:Arena. Molto simile a MTGO, Arena ha quasi terminato il suo periodo di Open Beta dove gli sviluppatori stanno inserendo nuove modalità (tra cui la possibilità di giocare 1 vs 1, magari con i propri amici) e continui aggiornamenti.

Inoltre, su Magic: Arena non è possibile comprare carte singole, ma è necessario acquistare le bustine, le gemme o le monete presso lo store della Wizards of The Coast per poter migliorare i propri mazzi e per poter, eventualmente, partecipare a leghe competitive.

Per giocare a partite for fun, invece, non vi è alcun costo da sostenere e, al momento della registrazione su Arena (gratuita, mentre su MTGO si devono pagare 10 $ circa per aprire un account), verranno comunque regalati dei mazzi con cui poter fare pratica man mano.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome