Home Nintendo Botte di Natale! (Il primo Smash non si scorda mai)

Botte di Natale! (Il primo Smash non si scorda mai)

25
Vi ricordate quando ci si poteva mettere tutti stretti stretti su un divano (o su 3 sedie e uno sgabello, nel nostro caso) a guardare uno schermo alto una spanna e darsele di santa ragione?
Era il Dicembre del 2018 e le Mezze Cartucce festeggiavano l’arrivo del nuovo Super Smash Bros Ultimate giocando, per contrappasso, al primo! (Capito, no? Ultimate… primo… eddai). Giochi di parole tirati per i capelli a parte, per noi è importantissimo sapere da dove si viene per capire dove si sta andando!
Se pensiamo che il primo Smash era solo un progettino nel tempo libero di Satoru Iwata (poi presidente Nintendo) e Masahiro Sakurai alla HAL Laboratory, e che in quanto progettino ha perfino rischiato di rimanere confinato in Giappone… che mondo sarebbe adesso?
Dimenticate i quasi 100 personaggi disponibili ora, qui te ne danno 8 all’inizio più 4 sbloccabili. Dimenticate le battaglie su arene enormi, i DLC, i tornei online, dimenticate perfino i poligoni, o almeno dimenticatene la maggior parte. Ah, e dimenticatevi il joystick del GameCube, qui si gioca col tridente N64!
Non dimenticate però, il divertimento. Quello c’era nel 1999 come c’è adesso.
Buone botte!
Articolo precedenteMamma Ho Perso l’Aereo
Articolo successivoI botti fateli in casa! [BomberMan Story]
Le Mezze Cartucce sono il profumo della confezione di cartone di un gioco appena scartato, acquistato con le paghette messe da parte per mesi. Sono la polvere soffiata dalle cartucce del NES per far ripartire l'ennesima partita a Zelda. Sono il sapore delle sfide a Mario Kart seduti per terra di fronte al tubo catodico della nonna. Sono le urla della mamma che chiama perché è pronta la cena, ma prima bisogna salvare... annotandosi 16 caratteri di password. Le Mezze Cartucce sono le risate di tuo fratello che ti batte allo stesso gioco per la milionesima volta. Sono le 500 lire tenute da parte per farne un'altra, l'ultima, "la bella" a Metal Slug. Sono le dimensioni di quella scatola incartata sotto l'albero di Natale che sembrano combaciare col gioco che avevi chiesto. Sono le sfere dei mouse consumati con i punta e clicca. Le Mezze Cartucce sono quel divano a due posti, rigorosamente usato in quattro, che ha visto amicizie nascere e disfarsi ad ogni minigioco di Mario Party.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome