Home Mezzecartucce Bonk / PC Genjin / BC Kid: 3 nomi, una mascotte

Bonk / PC Genjin / BC Kid: 3 nomi, una mascotte

19
Il PC Engine (TurboGrafx, CoreGrafx, chiamatelo come volete) è una console molto amata dalle Mezze Cartucce, incredibilmente sottovalutata, nonché spesso ignorata quando si parla di Retrogaming… fino all’uscita l’anno scorso del famigerato PC Engine mini.

Il PC Engine in Giappone fu la prima vera alternativa di successo al Famicom, il nostro NES, ed ebbe talmente successo che, grazie anche a continui aggiornamenti della macchina, uscirono giochi fino alla fine della generazione successiva.

Esattamente come il MegaDrive, il PCE nacque senza una vera mascotte… chi ha detto Alex Kidd? Appunto, a differenza di Sega, Hudson la imbroccò al primo tentativo: con molta calma (ma comunque 2 anni prima di Sonic) nel 1989 sbarcò su PC Engine “PC Genjin”! Chi? Beh, il nome originale è questo. Un gioco di parole su PC Engine e Genjin, cavernicolo. Negli USA venne adattato come “Bonk’s Adventure” e noi per semplicità continueremo a chiamare il personaggio col suo nome americano, Bonk.

Mezze Cartucce ha dedicato allo sfortunato personaggio una monografia in 2 puntate, forza coi click violenti che Bonk non dev’essere dimenticato!

Puntata 2:

Articolo precedenteMITICO TV! Storia delle AVVENTURE GRAFICHE – Parte 1
Articolo successivoBLIZZARD ARCADE COLLECTION
Mezze Cartucce
Le Mezze Cartucce sono il profumo della confezione di cartone di un gioco appena scartato, acquistato con le paghette messe da parte per mesi. Sono la polvere soffiata dalle cartucce del NES per far ripartire l'ennesima partita a Zelda. Sono il sapore delle sfide a Mario Kart seduti per terra di fronte al tubo catodico della nonna. Sono le urla della mamma che chiama perché è pronta la cena, ma prima bisogna salvare... annotandosi 16 caratteri di password. Le Mezze Cartucce sono le risate di tuo fratello che ti batte allo stesso gioco per la milionesima volta. Sono le 500 lire tenute da parte per farne un'altra, l'ultima, "la bella" a Metal Slug. Sono le dimensioni di quella scatola incartata sotto l'albero di Natale che sembrano combaciare col gioco che avevi chiesto. Sono le sfere dei mouse consumati con i punta e clicca. Le Mezze Cartucce sono quel divano a due posti, rigorosamente usato in quattro, che ha visto amicizie nascere e disfarsi ad ogni minigioco di Mario Party.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome