Home Atari Arcadestory intervista a Nolan Bushnell

Arcadestory intervista a Nolan Bushnell

11
L’uomo che ha gettato le fondamenta dell’industria arcade nonchè fondatore di Atari, Nolan Bushnell, si è seduto nel salotto di Arcadestory concedendoci una breve intervista.

Ringrazio di cuore le persone che mi hanno supportato in questa progetto, vale a dire: Pietro Ubaldi per essersi prestato nel doppiare Mr.Bushnell, Enrico Mattiazzi, per avermi fatto da iterprete, Gioco con lo Scemo per essersi occupato della regia e montaggio (grazie Pier), Mrs.Nancy Bushnell per averla resa possibile e Alessandro Cau per la traduzione e adattamento.

Ed in fine ma non meno importante Cristina, per aver sopportato il sottoscritto nell’attesa di portare a compimento questa grande opportunità.

Articolo precedenteMITICO TV! Rastan – RetroRecensioni
Articolo successivoProviamo i giochi N64 per Nintendo Switch Online!
Nella provincia di Vicenza, più precisamente ad Arzignano prende vita il progetto di Arcadestory. Una realtà fondata nel 2017 da Antonio Nati che insieme a Michele Colucci, Andrea Genovese e Andrea Vesnaver vuole mantenere vivo l'interesse per i cabianti arcade degli anni 80'. Questo è reso possibile grazie al grande lavoro di ricerca e restauro che ha portato Arcadestory ad avere una collezione di oltre 300 cabinati originali e ad inaugurare nella propria sede una vera e prorpria salagiochi anni 80. Spinti dalla volontà di voler condividere questa passione il progetto continua ad evolversi anche sui social dove siamo già presenti su diverse piattaforme come Facebook, Spotify, Youtube e Instagram. In'oltre a marzo 2020 è nato il "salotto di Arcadestory", un live talkshow dove si alternano ospiti non strettamente legati al mondo arcade (doppiatori, speaker radiofonici, scrittori, attori, youtuber, comici, giocatori professionisti di E-sports, conduttori televisivi, cosplayer, musicisti) per raccontare i ricordi e le emozioni legate alle salagiochi di un tempo. Speriamo, attraverso queste iniziative, di poter raggiungere più persone possibili dando la possibilità anche a chi non ha vissuto negli anni 80 di poter recuperare e scoprire la storia dei videogiochi e i suoi protagonisti.

LASCIA UN COMMENTO

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome